Come riuscire a bere 2 litri di acqua al giorno

A qualcuno viene naturale mentre per altri è davvero difficile riuscirci: i fatidici 2 litri di acqua al giorno non sono sempre facili da mandare giù. Una volta presa l’abitudine, non me ne sono neanche accorta, ma i primi tempi era davvero difficile: semplicemente mi dimenticavo di bere e, una volta arrivata sera, mi accorgevo che la bottiglia era ancora piena.

Per poter assumere la giusta quantità d’acqua ogni giorno, ci vuole una certa costanza e tenacia. Una volta che ti sarai abituata a convivere con una bottiglia d’acqua, non potrai più farne a meno! Non tutti i vizi vengono per nuocere, vedi?

In questo breve articolo volevo raccontarti la mia esperienza personale in questo contesto e spiegarti alcuni piccoli trucchi per riuscire a bere questi benedetti 2 litri d’acqua al giorno! Si tratta di espedienti che fanno leva sulla psicologia e che, personalmente, mi hanno aiutato moltissimo.

Una bottiglia da 2 litri di acqua al giorno? Meglio un formato meno ingombrante…

Come primo consiglio che posso darti è quello di non bere direttamente da una bottiglia da 2 litri: se facendo così avrai sempre sott’occhio quanto hai bevuto, va anche detto che è un modo piuttosto scomodo di bere, che potrebbe non favorire il tuo obiettivo.

Opta per bottigliette d’acqua più piccole, comode e portatili. Al massimo ricorri ad un bicchiere d’acqua (se la bottiglia è grande) e fai in modo che sia sempre pieno, così da invitarti ad essere bevuto e poi riempito di nuovo…

Ti dimentichi di bere? Usa una sveglia!

Un metodo un po’ brutale: chi di noi ama il suono della sveglia? Eppure questa può essere un buon modo per “rinfrescarci” la memoria e ricordarti ad intervalli prestabiliti che devi bere. Naturalmente dopo qualche giorno il meccanismo diventerà talmente familiare che non ne avrai più bisogno… con grande sollievo per le tue orecchie!

Tu e la tua bottiglietta d’acqua: semplicemente inseparabili!

Un altro metodo legato fortemente alla psiche e alle abitudini, vede il considerare la tua bottiglietta d’acqua come un oggetto imprescindibile. Così come telefonino, chiavi di casa/macchina e trucchi, devi legarti a questo oggetto in maniera così sviscerale da non riuscire ad uscire di casa senza.

Naturalmente poi va anche fatto il passo successivo, ovvero, bere regolarmente! Riuscire comunque ad avere una bottiglietta sempre a portata di mano è il primo e indispensabile passo.

Alcune valide alternative…

Se è vero che l’acqua è insostituibile, non è detto che esistano dei surrogati più gustosi! Per molte persone, l’acqua è insapore e quindi difficile da bere con disinvoltura (tranne che nella stagione estiva).

La soluzione, perlomeno parziale, è costituita da  thé e tisane varie. Ricordiamoci infatti che, oltre all’apporto di liquidi, questi infusi possono avere anche altri  benefici piuttosto interessanti per il nostro corpo.

Seguendo questi semplici e scontati consigli, riuscirai facilmente a bere i fatidici 2 litri di acqua al giorno. I primi giorni saranno probabilmente abbastanza duri ma, una volta entrata nel meccanismo mentale giusto, non riuscirai più a fare a meno di questa abitudine.

Leggi l’articolo Come riuscire a bere 2 litri di acqua al giorno dalla fonte originale: DietaPlank.com.

Annunci

Le sostituzioni di Dieta Plank

La dieta Plank è molto rigida e non lascia molte vie di fuga o spiragli per “improvvisare”: il regime alimentare da seguire è piuttosto rigido e, discostarsi più di tanto dai dettami, può invalidare tutto il lavoro fatto fino a quel momento.

Sostituzioni nella dieta Plank: non si potrebbe, però…

Nonostante ciò ho provato sulla mia pelle come a volte non si abbia proprio voglia di mangiare un determinato alimento. Perché dunque non cercare alternative che ci permettano di variare maggiormente senza influire sull’efficacia della dieta? Qui di seguito ti riporto una lista di “personalizzazioni” che possono aiutarti durante la tua dieta Plank.

 

  • Gli spinaci teoricamente non sono sostituibili. Questa verdura contiene molto ferro, un elemento utilissimo per il nostro fisico che difficilmente può essere assimilato con altre tipologie di cibo. Le alghe marine, sono l’ideale sostituto per gli spinaci: esse infatti contengono molto ferro e sono decisamente gustose se condite con sale e limone.
  • Il prosciutto cotto è piacevole al palato, ma alla lunga può annoiare parecchio. Le alternative che non vanno a scombussolare i nostri piani possono essere la fesa di tacchino o la bresaola (anch’essa ricca di ferro, tra l’altro!).
  • Non ce la fai proprio a mangiare l’insalata oppure è finita al supermercato? Nessun problema! I cetrioli possono sostituirla più che degnamente (si tratta di una verdura ricca di acqua e con pochissime calorie). Se vogliamo invece arrivare proprio al limite, possiamo concederci qualche crauto cotto.
  • Il formaggio svizzero presente nella dieta Plank può essere sostituito con altri formaggi particolarmente magri come la robiola o la ricotta.
  • Le carote, che personalmente non sopporto proprio, le ho spesso e volentieri sostituite con i pomodori: sono due verdure molto diverse, ma entrambe magre e facilmente digeribili.
  • Infine ho trovato un degno sostituto del pollo, ovvero il tacchino. C’è da dire che, a causa di mangimi e trattamenti, generalmente la carne di tacchino è meno sana rispetto a quella di pollo.

 

Al di là di quelle che possono essere le sostituzioni, ti ricordo che devi cercare comunque di limitare quanto più possibile le sostituzioni alla dieta Plank. Solo in casi di estrema necessità concediti qualche eccezione e poi rientra subito nei ranghi!

Rispetta le direttive principali della dieta Plank!

Inoltre stai sempre attenta a seguire uno dei principi fondamentali di questa dieta, ovvero non assumere carboidrati fuori dai giorni e pasti indicati e niente legumi. Bisogna fare qualche sacrificio, ma vedrai che ben presto tutto sarà ripagato con una silhouette davvero invidiabile!

Leggi l’articolo Le sostituzioni di Dieta Plank dalla fonte originale: DietaPlank.com.

Uova sode perfette!

Le uova sono un alimento indispensabile, qualunque sia la nostra dieta o regime alimentare. Per cucinare questa tipologia di cibo esistono davvero tanti metodi: dalle buonissime (ma propriamente non salutari) uova fritte, sino a quelle in camicia. Le variabili sono tante e anche se talvolta le preparazioni non sono propriamente rapide…

Per fortuna, uno dei modi più semplici per cucinare le uova è anche uno dei metodi che le rendono più salutari: stiamo parlando delle uova sode. Si tratta di un piatto a dir poco essenziale, per non dire banale, che ci consente di gustare questo alimento al meglio delle proprie possibilità.

Uova sode: saranno anche facili da preparare, ma non sottovalutarle!

Se pensi che gettare delle uova crude in un pentolino con acqua bollente e recuperarle poco dopo basti per un risultato soddisfacente, penso proprio che tu ti stia sbagliando. Esistono infatti alcuni piccoli accorgimenti per spingerci un po’ oltre alla normale amministrazione e portare sul tavolo delle uova sode speciali.

 

  • Ancor prima di mettere l’acqua sul fuoco, preoccupati di aggiungere un cucchiaino di sale: questo servirà in seguito per sbucciare meglio le uova.
  • Non immergete le uova finché l’acqua non bolle.
  • Il tempo di cottura è un fattore fondamentale: solitamente questo dura dai 7 ai 9 minuti (teoricamente 8 minuti è il tempo considerato come ideale)
  • Un metodo imbattibile per rendere estremamente sode e compatte le uova vede l’utilizzo di una pentola con acqua fredda e con qualche goccia di aceto. Dopo averle bollite, buttatele in questo pentolino: fermare così improvvisamente la cottura migliorerà notevolmente la consistenza dell’uovo sodo.

Come sbucciarle senza impazzire?

Diciamoci la verità: sbucciare le uova sode non è sempre un’operazione così facile. Se seguirai il primo punto della lista che ti ho appena scritto sarai comunque già partita con il piede giusto.

Ricorda che le uova sode si sbucciano meglio quando sono raffreddate, eventualmente facendolo sotto acqua corrente fredda per facilitare ulteriormente l’operazione. Seguendo questi pochi consigli eviterai di impazzire cercando di sbucciarle!

Uova sode come stuzzichino: un’idea interessante… ma non dietetica!

Adesso che hai ottenuto le tue uova sode, tieni presente che queste si possono conservare diversi giorni nel frigo, oltre al fatto che possono essere utilizzate anche come stuzzichini piuttosto gustosi: basta togliere il tuorlo e sostituirlo con un impasto (magari riutilizzando anche lo stesso tuorlo come ingrediente) saporito.

Fate comunque attenzione al ripieno: il nostro uovo sodo potrebbe non essere più propriamente dietetico dopo un trattamento del genere!

 

Leggi l’articolo Uova sode perfette! dalla fonte originale: DietaPlank.com.

Le uova fanno bene o male?

Ci sono poche domande, perlomeno in ambito alimentare, che dividono quanto questa: Ma le uova fanno bene o male? Dietologi e nutrizionisti sono divisi per quanto riguarda la risposta che, come spesso accade, è ricca di sfumatura e interpretazioni che lasciano ampio spazio a risposte di vario tipo.

Le uova: una miniera di sostanze nutritive!

L’uovo è un alimento molto importante: facilmente reperibile e ricco di sostanze nutritive, ha da sempre sfamato l’essere umano. Nello specifico, le sostanze presenti in questo alimento sono:

  • Acqua
  • Proteine
  • Vitamine varie
  • Calcio
  • Fosforo
  • Ferro
  • Sodio
  • Potassio

Facile intuire come si tratti di un alimento assolutamente completo e che può, da solo, quasi sostituire un intero pasto. L’apporto delle suddette sostanze varia molto a seconda della tipologia di uovo: se quello più consumato è quello di gallina, trovano spazio per il consumo anche quello di quaglia, di oca e addirittura quello di struzzo.

Nonostante le sue numerose proprietà però, esso nasconde anche un lato oscuro…

Le uova fanno dunque solo bene? Ecco il rovescio della medaglia…

Non è tutto oro quello che luccica: le uova sono si dotate di numerose sostanze che aiutano il nostro corpo, ma al contempo ne possiedono altre che hanno un effetto malevolo sul fisico. Risulta impossibile infatti negare che il colesterolo, presente in questo alimento, sia dannoso.

Va anche detto che spesso si è esagerato in tal senso, additando le uova come estremamente dannose per il fegato e non solo. La soluzione più adatta in tal senso, come per tutti i tipi di alimenti, è semplicemente non esagerare.

Mangiare 4 uova a settimana, per esempio, è da considerare una buona abitudine: gli sportivi, che consumano molte energie, possono arrivare a consumarne anche di più a causa dell’enorme richiesta di energia che l’attività sportiva comporta.

Tuorlo o albume: cosa scegliere?

Riguardo la scelta tra tuorlo o albume, circolano diverse voci. Prendendo in considerazione il lato nutrizionale, bisognerebbe prediligere il tuorlo, maggiormente ricco di sostanze utili (come vitamine e proteine).

L’albume dal canto suo, è più povero di sostanze ma non risulta assolutamente dannoso: è possibile consumare entrambe le parti senza particolari preoccupazioni…

Le uova fanno bene o male? Tra leggende metropolitane e verità…

Come abbiamo già accennato, è credenza comune che le uova creino danni al fegato. A quanto pare però, il colesterolo che renderebbe “pesante” questo alimento non è presente così intensamente da creare danni.

Quando invece si afferma che è sempre meglio consumare uova cotte, non si va molto distanti dalla realtà: il rischio di consumare un prodotto crudo e contrarre delle intossicazioni come la famigerata salmonellosi.

Tirando le conclusioni: le uova fanno bene o male? I vantaggi nel consumare questo alimento sono sicuramente più che gli svantaggi. Un consumo corretto di uova può essere un elemento essenziale della nostra dieta, sempre a patto di non esagerare…

Leggi l’articolo Le uova fanno bene o male? dalla fonte originale: DietaPlank.com.

Bere 2 litri di acqua al giorno: perché fa così bene?

Lo dicono un po’ tutti ormai: bere 2 litri di acqua al giorno fa bene alla salute. Espresso così però, questo concetto è leggermente generico e non esprime in maniera esaustiva in quale modo l’apporto massiccio di liquidi può influire positivamente sulle funzionalità del nostro organismo.

Come molti di voi già sapranno, il 90% del nostro corpo è formato da acqua: un numero piuttosto impressionante che rende l’idea di come i liquidi costituiscono gran parte  dei nostri organi interni e non solo. Soprattutto nel periodo estivo, l’eccessiva sudorazione va a portare via l’acqua dal nostro corpo, causando disidratazione e problemi annessi.

Anche in condizioni normali però, bere 2 litri di acqua al giorno può essere una buona abitudine e, adottando questa abitudine salutare, i benefici saranno numerosi:

 

  1. Ottimizza il metabolismo: bere frequentemente in maniera abituale, facilità e regolarizza il nostro metabolismo. I liquidi infatti aiutano il nostro corpo a svolgere le sue funzioni al meglio, aumentando anche il ritmo con cui si bruciano le calorie. Sotto questo punto di vista, bere 2 litri di acqua al giorno può essere l’ideale per chi vuole perdere peso.
  2. Previene problemi cardiovascolari: assumendo regolarmente una buona quantità di acqua si rende il sangue più liquido e, di conseguenza, il nostro sangue risulta più scorrevole. Ciò comporta miglioramenti sotto il punto di vista circolatorio, aiutando anche la prevenzione di problemi ad esso legati.
  3. Aiuta i reni: i reni sono una sorta di “filtro” di cui siamo dotati. Bere tanto e spesso aiuta a tenere questi importanti organi in piena forma, oltre a prevenire la formazione di eventuali calcoli renali.
  4. Elimina il gonfiore al ventre: capita spesso di sentire una fastidiosa sensazione di gonfiore al ventre. Bere, in questo caso, potrebbe sembrare controproducente… e invece l’effetto è opposto! I liquidi assunti infatti aiutano il nostro corpo in fase digestiva, contrastando i gonfiori allo stomaco.
  5. Contrasta la ritenzione idrica: anche in questo caso, potrebbe sembrare assurdo ma non è così. Per combattere la cellulite e altre problematiche legate alla ritenzione idrica, è utile bere in maniera costante molta acqua. Per ottimizzare ulteriormente il lavoro dei liquidi è utile diminuire il sale nella nostra dieta.

Naturalmente si tratta solo di un piccolo assaggio delle proprietà dell’acqua, anche se vanno fatte alcune precisazioni.

Esagerare fa sempre male, l’acqua non fa eccezione

Se è vero che bere 2 litri di acqua al giorno fa bene, non vuol dire che più ne beviamo e meglio stiamo. Esagerare può portare a una cosiddetta intossicazione d’acqua, che può avere conseguenze anche molto gravi. I sintomi infatti possono essere nausea vomito, per arrivare (nei casi più estremi) anche alle allucinazioni!

Leggi l’articolo Bere 2 litri di acqua al giorno: perché fa così bene? dalla fonte originale: DietaPlank.com.

http://dietaplank.com/bere-2-litri-acqua-al-giorno-perche-cosi-bene/

La dieta del sedano

L’obiettivo primario della dieta del sedano è quello di perdere una quantità significativa di peso in un breve lasso di tempo. La regola di questa dieta, è consentito solo consumare sedano e acqua, in qualsiasi quantità che desideri.

Mangiare sedano fa dimagrire

Secondo la persona, la durata della dieta varia solitamente da un paio di giorni per una o due settimane. I sostenitori di questa dieta sostengono che c’è una gran perdita di peso, perché il sedano è considerato un alimento a zero contenuto calorico. I critici della dieta sostengono invece che è nutrizionalmente carente e costringe il corpo nella modalità di fame.

Quante calorie ha il sedano?

Il sedano è uno dei degli alimenti a colarie zero, significa che per digerirlo, richiede più energia calorica di quello che contiene il cibo stesso. Ciò significa che nel momento che il sedano è completamente digerito, più calorie sono state bruciate nel processo che inizialmente sono stati consumati. Poiché l’acqua non ha calorie, e il sedano ha un importo negativo di calorie, la perdita di grasso è notevolmente accelerata, la dieta sarà in grado di evitare i dolori della fame associati a non consumare alcun altro cibo.

La critica principale della dieta del sedano è che è nutrizionalmente insufficiente per sostenere una dieta equilibrata. Mentre i critici ammettono che il sedano contiene alcune vitamine e minerali, aggiungono che gli importi sono ben lungi dal soddisfare assunzioni giornaliere consigliate. Inoltre, gli oppositori sostengono che il corpo umano sarà costretto ad andare in modalità di fame per conservare le sue risorse, finendo di compromettere l’intero scopo di cercare di perdere peso. Nella modalità di fame, il corpo rallenta il suo metabolismo, cerca di immagazzinare più grasso, e brucia muscoli per ricavare l’energia. Anche dopo la dieta, tornando alla nostra dieta equilibrata abitudinale, il corpo si ricorderà di questo periodo di fame e continuerà a salvare più grasso possibile.

Usare il sedano per dimagrire

Una cosa da notatare è che i sostenitori della dieta del sedano, considerano un metodo veloce temporaneo, e non la considerano un sana dieta a lungo termine. I promotori invece, sostengono che, proprio come con l’acqua a digiuno, la dieta del sedano è un modo per eliminare le tossine dal corpo e esaurire i depositi di grasso in eccesso. I sostenitori sottolineano inoltre che, anche se gli esperti sostengono che il digiuno è dannoso per l’organismo, è stata praticata con successo dagli esseri umani per migliaia di anni. Il presupposto è che le persone in sovrappeso non hanno bisogno di consumare le loro esigenze nutrizionali regolari durante la dieta, perché il corpo riceverà ciò di cui ha bisogno per bruciare l’eccesso di grasso immagazzinato. In teoria, una dieta provocherebbe carenze nutrizionali,  dopo che il tuo corpo ha esaurito tutte le sue riserve di grasso.

Informazioni sull’Autore

Michele Donvito suguimi per essere aggiornato su tutti gli articoli:

Sito internetFacebook Google+

Fonte: Article-Marketing.it